RI3SKA.COM – Dopo la prima ondata di Covid-19 nel Maggio 2020, l’Italia ha riaperto il settore turistico nella speranza di una ripresa economica. Il turismo è una parte profondamente radicata della vita italiana. Uno studio del 1991 focalizzato sull’importanza del turismo, in particolare sul Grand Tour, condotto da due storici: John Towner del Tyne Polytechnic nel Regno Unito e Geoffrey Wall, geografo e Preside per gli studi post-laurea e la ricerca presso la Facoltà di studi ambientali alla University of Waterloo in Canada, hanno affermato che le attività turistiche nel mondo, soprattutto in Italia, pongono le loro radici nella cultura dell’Impero Romano. I loro interessi di ricerca si sono concentrati sull’evoluzione dell’uso ricreativo del territorio e sull’impatto del turismo.

La loro argomentazione si basava su uno dei primi studi cardine nella storia del turismo, condotto da Friedlander (1965) sulla vita e il comportamento della società durante l’Impero Romano. Secondo questo ricercatore tedesco, i ricchi romani – che generalmente vivevano nella città di Roma – avevano solitamente una seconda casa nella zona del Golfo di Napoli. Secondo studi condotti negli anni ’70, questa tendenza ha portato alla crescita di ville e infrastrutture stradali nell’area del Golfo di Napoli.

L’Italia è ben consapevole dell’importanza del suo settore turistico, che è fortemente intrecciato nella sua cultura. Gli stessi italiani credono fortemente che il loro paese sia uno dei più belli del mondo; sono anche conosciuti come una nazione che ama esplorare e con il risultato dei loro viaggi ne confermano la grande bellezza.

Gli italiani sono noti per avere un innato senso per la bellezza e se prendono molta cura. Grazie al loro genio nell’ingegneria civile e nell’architettura, sono stati in grado di arricchire il paesaggio italiano con monumenti e opere architettoniche spettacolari che sono rimasti a testimonianza della loro lunga storia.

La combinazione di natura e duro lavoro ha reso questo Paese – con una popolazione di 63 milioni di abitanti – in grado di attrarre 216 milioni di turisti nel 2019, 30 milioni dei quali hanno visitato Venezia.

CORONAVIRUS

Il settore del turismo è la spina dorsale dell’economia italiana ed è alla base della sua filosofia di vita ma è stato improvvisamente sconvolto dalla pandemia del coronavirus. Si stima che la destinazione più romantica al mondo abbia perso cinque milioni di visitatori solo durante le vacanze di Pasqua nel 2020.

Da quando l’Italia ha chiuso i suoi confini e ha deciso di puntare sulla protezione dei propri cittadini per combattere il virus SARS CoV2 attraverso una strategia di quarantena totale, il settore turistico ha perso rapidamente le entrate: nel periodo marzo-maggio delle vacanze pasquali e primaverili la perdita è stata stimata in circa 35 milioni di euro e almeno 50.000 persone hanno perso il lavoro.

L’Agenzia Italiana di Statistica ISTAT ha calcolato che nel periodo marzo – maggio 2020 l’Italia ha registrato un calo dei visitatori fino al 91%, ovvero 81 milioni di turisti, sperando di migliorare questa situazione durante le vacanze estive (giugno – agosto). Tuttavia, in estate, la situazione pandemica nel mondo era ancora così grave che l’Italia ha perso i turisti stranieri, soprattutto da America, Gran Bretagna, Cina e Germania, nonché da altri paesi: l’occupazione degli alberghi ha raggiunto solo il 63,9 percento rispetto all’anno precedente.

A maggio 2020 Luca Zaia, Presidente della Regione Veneto, ha dichiarato in un incontro con l’Associazione Stampa Estera in Italia che le attività nella regione erano state chiuse per 90 giorni, dal 21 febbraio, e che Venezia era pronta a riaprire al pubblico.

“Siamo la prima regione ad aprire attività e spiagge perché vogliamo trasmettere il messaggio che siamo veramente sani e come area turistica vogliamo essere di esempio per gli altri”, ha detto.

A proposito, Venezia era abituata ad avere con il 60% dei turisti un valore di 18 miliardi di euro. “E siamo pronti a riaccogliere i turisti dai diversi paesi che da molto tempo vengono sempre a Venezia e ci tornano regolarmente per le vacanze estive”, ha continuato.

Ha affermato che rilanciare il turismo di Venezia durante la pandemia non è un compito facile. “Sappiamo che nel 2019 siamo stati molto sfortunati, con l’incidente della nave da crociera, poi con l’alta marea che ha causato inondazioni che hanno sconvolto l’ambiente e causato perdite per miliardi di euro, infine siamo stati attaccati dal virus”.

Ma, garantisce, Venezia risorgerà e riaprirà e apparirà ancora più bella di prima. “Venezia prenderà sempre in considerazione tutti gli aspetti e garantirà a tutte le classi sociali uno standard adeguato, inoltre ci prepareremo affinché i luoghi negli stadi, nei cinema e nelle varie località turistiche siano confortevoli per i visitatori”.

Inoltre, saranno controllati anche gli arrivi di turisti. “Controlleremo tutti gli arrivi di turisti, siano essi in aereo, treno o in barca, in modo che tutto sia gestito entro i più severi standard di sicurezza e con una ventata di turismo sostenibile perché Venezia è l’unica città del mondo ad essere come un museo a cielo aperto”, ha aggiunto.

PROTEGGIAMO VENEZIA

Riaprendo i rubinetti del turismo durante la pandemia, Zaia sottolinea ancora il principio di tutela della città, dei cittadini e di tutte le ricchezze e potenzialità in essa contenute.

“Ora proteggeremo la città di Venezia, i suoi cittadini e tutto il suo potenziale, soprattutto perché Venezia è un sito patrimonio mondiale per la civiltà”, ha aggiunto.

Alla domanda sull’apertura dei confini dell’Italia con i paesi vicini senza la necessità di passare attraverso la quarantena, Zaia ha detto che il suo partito si occuperà del settore turistico con piena responsabilità.

“I turisti da Russia, Germania e Francia possono venire qui garantendo con un documento sanitario, e noi stessi offriamo una buona assistenza sanitaria. Per continuare le nostre attività turistiche, ci concentreremo sul turismo Covid-free”, ha detto.

La Regione Veneta, di cui Venezia è il capoluogo, ha un territorio di circa 7 milioni metri quadrati. Sotto la guida di Zaia, le Autorità erano in allerta rispetto ad un possibile focolaio dal gennaio 2020 – La Cina aveva annunciato la sua situazione critica a dicembre 2019. Quando il 29 gennaio 2020 due pazienti cinesi sono stati dichiarati positivi al Covid-19 all’Ospedale Spallanzani di Roma, la Regione ha immediatamente istituito una task force, guidata dal Dr. Russo.

IL SOGNO DI SVILUPPARE UN TURISMO INTELLIGENTE E SOSTENIBILE

In tempi normali, Venezia ha un problema per i troppi turisti: folle di visitatori rappresentano una seria minaccia per il delicato settore turistico.

Il governo locale di Venezia sta valutando misure radicali per rinvigorire il settore turistico di fronte alle sfide del Covid-19. Il vicesindaco Simone Venturini ha dichiarato: “Forse è ora di considerare un modello più soft, anche se significherà limitare fisicamente il numero dei visitatori”, ha detto.

“Questa sarà un’opportunità per spostarsi verso un turismo intelligente. Con i turisti che si prendono il loro tempo per capire le bellezze che li circondano e stanno lontano dai tour frenetici in alta stagione”, ha aggiunto.

Ammette che questa trasformazione sarà complessa data la dipendenza della città dal turismo. Venezia svela la sua contraddizione: le strade solitamente affollate di turisti provenienti da tutto il mondo sono ormai vuote e sembra che questa bellissima città sia tornata ad essere proprietà dei cittadini veneti, che solitamente devono condividerla con centinaia e migliaia di turisti stranieri.

Negli ultimi anni, il pesante fardello di Venezia dovuto al turismo ha portato in città alcuni attivisti ambientali per studiare e contrastare questo modello di turismo che ogni giorno fa sembrare questa città a forma di pesce un mare di esseri umani. Per non parlare delle navi da crociera in entrata e in uscita dal porto di Venezia che minacciano la conservazione degli antichi edifici della zona.

Venezia ha anche uno strano problema di popolazione: la città è per lo più occupata da turisti. I residenti scelgono di lasciare la città e rimanere fuori città o in periferia perché i prezzi delle case e gli affitti sono troppo elevati per i locali. E chi possiede immobili a Venezia preferisce utilizzare la propria casa per affitti aziendali e alloggi a turisti provenienti da tutto il mondo.

Per fare un esempio, i prezzi delle camere d’albergo a Venezia sono molto più alti che nella città accanto, Mestre. Le agenzie di viaggio e di turismo hanno scelto di basare le proprie attività a Mestre che dista solo due minuti di autobus o treno da Venezia; è molto più economico che pagare il costo di un sito a Venezia. Anche bere un caffè a Venezia è più costoso rispetto al prezzo di una tazza di caffè in qualsiasi altra città italiana. Il prezzo varia a seconda che ci si sieda al tavolo del bar o che lo si beva in piedi al bancone, con diversi tipi di classificazione dei servizi, rendendo alcuni turisti riluttanti a bere un caffè nella città dei canali.

Prima della pandemia i turisti pagavano 80 euro per un giro in gondola di 60 minuti per 6 persone, spesso ottenendo solo un viaggio di 20 minuti. Ora i gondolieri pregano chiunque di usare i loro servizi.

I turisti a volte vengono a Venezia con un approccio superficiale, vogliono solo fare delle foto davanti alla Basilica di San Marco e finiscono per sentirsi delusi.

Quando è scoppiata la pandemia e i turisti sono stati costretti a lasciare la città, la laguna era come un’isola fantasma, intrappolata in una solitudine incomparabile. “Durante questo periodo, solo i gabbiani facevano scalo a Venezia”, ​​hanno detto gli attivisti del turismo in un’intervista online all’Associazione Stampa Estera in Italia lo scorso maggio.

Jane da Mosto, a capo del gruppo no profit “We Are Here Venice”, ha dichiarato alla CNN a Venezia che nel tentativo di far capire ai responsabili politici i vantaggi del turismo sostenibile per la città, il gruppo ha lanciato una campagna per tenere fuori dal porto storico la massiccia invasione delle navi da crociera e sta studiando la possibilità di prevenire allagamenti come quello capitato qualche tempo fa.

Vede la pandemia come un punto di svolta per la città e immagina l’emergere di una nuova Venezia nel mondo post-pandemico. “La nuova Venezia che sogno è quella con meno visitatori e più residenti”, ha detto. Secondo lei, il problema di Venezia non è la mancanza di turisti, ma la scarsità di residenti permanenti.

“Con più residenti, la città rifletterà meglio la cultura veneziana e il bellissimo stile di vita che questa straordinaria città può offrire, in modo che in futuro i visitatori possano godersi Venezia più profondamente”, ha detto.

Dall’inizio della pandemia fino all’autunno la regione veneziana è quella che ha avuto il maggior successo nella gestione e nella lotta contro il Covid-19. Il suo governatore ha preso l’iniziativa di sottoporre a tampone tutti i residenti nel villaggio di Vo ‘, duramente colpito. Questo è l’esempio più importante accanto a quello della Corea del Sud. Un’altra regione italiana in cui si ritiene che gran parte della popolazione sia stata testata è la Lombardia con il suo capoluogo Milano.

Oltre alla sua città famosa per dei canali, Venezia, la regione veneta ha anche rinomate zone costiere come Bibione e Jesolo, che vengono visitate da turisti provenienti da Russia, Germania e America, nonché laghi come il Lago di Garda e alcuni famosi fiumi. E non dimentichiamo le località innevate di montagna come Cortina. Ultimi ma non meno importanti, i bellissimi cristalli di Murano e i vari siti archeologici, patrimoni mondiali della cultura.

Il duro lavoro di Venezia ha mostrato i suoi risultati. Turisti locali e stranieri, soprattutto tedeschi, sono tornati a stendere i teli da mare e ad aprire gli ombrelloni per godersi il caldo sole e il fresco “spritz” a base di prosecco di Valdobbiadene.

Rieska Wulandari. Traduttore ed editore : Andrea Costi

Tinggalkan Balasan

X